Logo cartoon dell'Associazione La Fattoria di Amélie onlus
Icona Facebook
Vai ai contenuti

Menu principale:

Consultorio comportamentale e Centro di educazione cinofila
Progetto LifeDog®

ARTICOLI

Botti di Capodanno: Che Paura!!!

Il Metodo Educativo

     LifeDog Model



Ogni anno, mentre noi festeggiamo allegramente il Capodanno, migliaia di cani, cuccioli e adulti, passano una notte di puro terrore, traumatizzati e spaventati da petardi, fuochi d’artificio ed effetti pirotecnici di ogni genere.

cane alla finestra

Essendo dotati di un udito estremamente sviluppato e altrettanto sensibile, il fragore dei botti provoca gravi traumi, disorientando e terrorizzando i nostri amici a 4 zampe.

Ogni anno un numero spaventoso di animali viene smarrito, subisce gravi incidenti o muore in seguito alla fuga dovuta al panico!

La fobia verso gli stimoli acustici può avere diverse origini: Genetica, Appresa (tramite imitazione, errata educazione, addestramento, correzioni comportamentali) o Traumatica e può essere espressa in maniera più o meno manifesta. In base alla situazione e al soggetto, il cane può esternare le sue emozioni attraverso:

Urinazione o defecazione incontrollata
Fuga o tentativi di fuga
Distruttività
Autolesionismo
Vocalizzazioni (guaito, abbaio, ululato..)
Comportamenti ossessivi e stereotipati
Aggressività incontrollata e “immotivata”
Tentativo di rifugiarsi in luoghi angusti e spesso pericolosi
Ricerca di protezione da parte del padrone
Tremolii, sobbalzi, eccessiva salivazione
Iperattività o, al contrario, immobilità
Inappetenza e/o vomito

Un cane traumatizzato generalizza facilmente e velocemente lo stimolo e il contesto che causa le sue paure, nel caso dei fuochi d’artificio, arriva in breve tempo a temere gran parte dei rumori quotidiani come un temporale o, più semplicemente, una porta che sbatte o un libro che cade.
Inoltre l’animale in preda al panico non risponde alle richieste del proprietario e spesso attua dei comportamenti completamente irrazionali e impulsivi che lo mettono in serio pericolo.
Allora come ci si deve comportare?

Sia che il cane mostri i primi segnali di disagio, sia che presenti una fobia consolidata, innanzitutto evitate di allarmarvi e agitarvi, mantenete la calma e adottate poche, semplici, ma importantissime regole:

Evitate di lasciarlo a casa da solo la notte di Capodanno

scooby doo spaventato
Non portatelo assolutamente in piazza o ad una festa con fuochi d’artificio durante i festeggiamenti

In casa attenuate il più possibile il frastuono esterno, abbassando le tapparelle, chiudendo le finestre e accendendo radio o tv

Tenete, anche i cani che abitualmente vivono fuori, in casa o in un luogo protetto o rassicurante, privo di pericoli

Non isolatelo in una stanza, soprattutto lasciategli libero accesso alla sua cuccia e alle stanze in cui si sente sicuro

Inibite l’accesso a nascondigli pericolosi

Lasciategli scegliere “se” e “dove” nascondersi, senza cercare di stanarlo con la forza

Non dispensate più attenzioni del normale, non costringetelo a stare vicino a voi, non cercate di consolarlo attraverso coccole o parole dolci. Può sembrare crudele ma non dovete fargli pensare che vi sentite in dovere di consolarlo, che state dando peso o incoraggiando le sue emozioni e che quindi la sua sensazione di pericolo è fondata

Se cerca il vostro contatto accettatelo, lasciate che si nasconda dietro alle vostre gambe o che vi si accucci vicino, ma mantenete un atteggiamento tranquillo e indifferente, come se intorno non stesse succedendo nulla

Se la paura non è eccessiva potrebbe rispondere a qualche distrazione, come il gioco, in caso contrario non forzatelo

Non tenete il cane legato, nemmeno all’esterno, potrebbe ferirsi o rimanere soffocato nel tentativo di liberarsi e fuggire

Fate attenzione a balconi e finestre aperte, purtroppo molto spesso vengono considerate diperate e pericolosissime vie di fuga

Non portatelo a passeggio durante le ore prossime alla mezzanotte e, nel caso ce ne fosse l’urgenza, non slegate il cane, nemmeno se è abituato a passeggiare libero

Premiate con gioco, cibo, lodi o coccole, SOLO comportamenti tranquilli, ignorate quelli che manifestano paura e NON PUNITE assolutamente il cane, nemmeno in caso di vocalizzazioni, di bisogni in casa o distruttività, peggiorereste soltanto la situazione.

Questi consigli possono aiutarvi a gestire meglio la situazione e ad evitare errori talvolta irrimediabili.
Se però volete aiutare veramente e concretamente i vostri animali, affrontate il problema alla radice: abituare il vostro cucciolo all’indifferenza verso gli stimoli acustici come fuochi d’artificio, temporali ecc.., e desensibilizzare il vostro cane che già presenta queste paure si può!



Autore: Alice Fanara



Copyright © dell'autore.
Tutti i diritti riservati.
È possibile riprodurre, condividere e diffondere l'articolo, citandone la fonte.


Contattaci
Associazione
"La Fattoria di Amélie onlus"
Strada dei Livelli
27029 Vigevano -PV-
Tel. 335.5818147
info@lafattoriadiamelie.it
c.f. 94036350182

Seguici

Sostienici
Se vuoi fare una donazione:
- Iban IT28k0760111300001034987980
- C/c postale 001034987980
- 5x1000 c.f. 94036350182
Ma ci sono tanti altri modi per
aiutare La Fattoria di Amélie
© 2017 La Fattoria di Amélie onlus
Torna ai contenuti | Torna al menu Web Analytics